facebook
twitter
instagram
logonuovo

LE COSE BUONE

28/02/2019, 01:54



Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-
Marigold:-un-brunch-nella-micro-bakery-capitolina-


 



E’ sabato mattina. Un vento gelido spazza via ogni cosa:nuvole, tegole, vasi e pensieri.
Camminiamo veloci per raggiungere i nostriamici Ginger e Mark (@viaMedina) che, qualche giorno fa, ci hanno proposto unbrunch romano da Marigold. Ho controllato subito la mappa: è a meno di unchilometro dalla mia casina romana.
Perfetto.
Superiamo il sottopassaggio dellastazione Trastevere e ci dirigiamo verso via del Porto Fluviale. Attraversiamo ilponte dell’Industria tra le raffiche laterali che ci spingono verso la strada,e il gazometro che si affaccia sulla sinistra tra un tirante del ponte e l’altro: per unattimo mi sento Rambo. Ci lasciamo il Biondo alle spalle e proseguiamo fino all’incrocio convia Ostiense. Il murales con l’airone mangia smog ci osserva dall’alto. Svoltiamosubito a sinistra, poi a destra ed eccoci in Via Giovanni da Empoli.
Arriviamo davanti alle vetrine del locale. Una scritta conun pennarello bianco "Marigold" ci indica che siamo nel posto giusto. Entriamoe mi sento catapultata a Copenaghen. L’ambiente è pulito e minimal, come piacea me. I tavoli sono tutti occupati. I camerieri, sorridenti (dettaglio da poco? Non credo!), si muovono adagiotra i clienti, portando vassoi carichi di prelibatezze e caffè.
Mark e Ginger,in fondo alla sala, ci salutano e ci fanno posto di fronte a loro. Un’atmosferaserena si mischia all’odore di pane appena sfornato e tè. Una cameriera ci porta il menù,che è solo in inglese. Ordino subito un cinnamon swirl, del pane e formaggio eun espresso. Dove sono finiti Roma e il suo caos? Chissenefrega. Da Marigoldnon sei veramente nella Capitale: i clienti sono quasi tutti stranieri, cosìcome il personale. Malgrado ciò, il mio caffè è buonissimo.
Il cinnamon swirl(una specie di cinnamon roll a forma di treccia) è squisito: l’impasto è sodo,più consistente di quello che faccio io (di cui trovate la ricetta qui sotto) e la cannella persistente e profumata.Il pane, con farina integrale e lievito madre, ottimamente realizzato, mi vieneservito con del burro salato: perfetto. Mark e Ginger ordinano un panino delgiorno con chicken salad e uova benedict; mio marito un toast con avocado euovo. Mi affaccio alla vetrina dei dolci: carrot cake e chocolatebrownies sono in bella vista.
Passiamo due piacevoli orette fuori dal mondo. Ogni tanto untreno passa sopra la nostra testa e ci ricorda che, lì fuori, Roma esisteancora.
Torno a casa con una voglia di sfornare cinnamon rolls finoal giorno dopo. Ripesco la mia ricetta. Eccola qui.
Provatela se avete tempo.In alternativa, ricordatevi del piccolo angolo di paradiso nordico dietro laPiramide Cestia.


Marigold
Via Giovanni da Empoli 37
Ostiense - ROMA
@marigold_roma

Ricetta per l’impasto (dose per 12 cinnamon rolls da circa 60 g):
250 g farina manitoba
40 g latte
8 g lievito di birra fresco
90 g di uova
35 g zucchero
7 g miele
95 g burro
2 g scorza di limone
2 g scorza d’arancia
1 g vaniglia


Per il burro alla cannella:
80 g burro a temperatura ambiente
80 g zucchero a velo
3 g sale
3 g cannella (o anche di più)

Per la glassa:
70 g zucchero a velo
70 g di acqua

In una planetaria, impastare con il gancio, a velocità minima, la farina, il latte, le uova e il lievito fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Inserire lo zucchero e il miele poco per volta, avendo cura di far assorbire la dose di zucchero inserita, prima di aggiungerne dell’altro. Una volta assorbiti gli zuccheri, inserire, un pezzetto alla volta, il burro mischiato con gli aromi, senza far perdere struttura all’impasto. L’intero impasto richiederà un tempo variabile tra i 30 e i 45 minuti (la maglia glutinica deve essere ben sviluppata). Una volta terminato l’impasto, inserirlo in una ciotola, ben coperto con della pellicola e farlo lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio del volume, poi riporre in frigo per 6-8 ore (o tutta la notte). Stendere l’impasto tra due fogli di carta forno.

Spalmare con il burro alla cannella (ottenuto miscelando insieme tutti gli ingredienti, fino ad ottenere una "pomata") e arrotolare l’impasto su sé stesso. Riporre in freezer per una mezz’oretta e, successivamente, tagliare 12 fettine di uguale spessore. Adagiare i cinnamon rolls su due teglie rivestite con carta forno, ben distanziati tra loro e mettere a lievitare in forno tiepido (non superare i 30 °C) e umido (mettete un pentolino di acqua tiepida nel forno) per circa 3 ore. Togliere le teglie dal forno, preriscaldarlo a 175 °C, poi infornare a 160 °C in forno ventilato per circa 12-15 minuti (i tempi di cottura variano da forno a forno; controllate la colorazione). Far raffreddare.

Spennellare con la glassa (ottenuta miscelando a freddo lo zucchero con l’acqua). Far asciugare la glassa e servire.


1
Create a website